Language Translate

domenica 11 gennaio 2015

Jiddu Krishnamurti - Quando ti definisci Indiano, Musulmano, Cristiano o Europeo, o qualsiasi altra cosa, tu diventi violento.



Quando ti definisci Indiano, Musulmano, Cristiano o Europeo, o qualsiasi altra cosa, tu diventi violento. Ci arrivi da solo al perché? Perché ti stai separando dal resto dell’umanità. Quando ti definisci, in base ad un credo, una cultura, una nazionalità, una tradizione, quest’azione traspira violenza. Così un uomo che cerca di comprendere la violenza non dovrebbe appartenere a nessuna nazione, religione, schieramento politico o parte di un sistema; egli dovrebbe comprendere che è parte del totale dell’umanità. 

Jiddu Krishnamurti


Tiziano Terzani - Il mondo arabo islamico. Dobbiamo metterci a capire gli altri. Rispetto per la diversità.



Una delle cose che mi sorprende moltissimo è che in questo nostro paese – affacciato sul Mediterraneo, dinanzi a tutto il mondo arabo islamico – ci sia così poca gente che si dedica allo studio della lingua araba, della cultura araba e della religione islamica. Ormai ci dedichiamo al Giappone e alla Cina forse perché li consideriamo dei grandi mercati, ma non ci dedichiamo a questo mondo che abbiamo dinanzi a casa. È inconcepibile che possiamo continuare a garantirci un futuro senza avere un’apertura verso questo mondo con il quale, già nel passato, abbiamo avuto grandi rapporti.

Questo demonizzare il nemico – già definirlo così – fare di tutta una cultura che ha una sua tradizione e una sua storia l’humus in cui nasce il terrorismo è pura follia. Dobbiamo metterci a capire gli altri. E non dico soltanto i musulmani, ma tutto ciò che è altro.
Il mondo è pieno di gente che non vuol vivere come noi, sognare come noi, mangiare come noi, e molta gente fra noi stessa sta diventando così, per il rifiuto del consumismo, per il rifiuto di questa globalizzazione che globalizza i princìpi, i prodotti e fa di ognuno di noi semplicemente dei consumatori. Bisogna prendere seriamente in considerazione questo rispetto per la diversità.

Tiziano Terzani