Language Translate

martedì 15 ottobre 2013

Thomas Sankara




Voi avrete di che nutrirvi, ma se il popolo è nella miseria e continuerà a restarci, un giorno vi impedirà di mangiare tranquillamente! 



Thomas Sankara





25 anni fa un piccolo uomo dalla pelle nera sfido' i potenti del mondo. Disse che la politica aveva senso solo se lavorava per la felicita' dei popoli. Affermo',con il proprio esempio personale, che la politica era servizio,non potere o arricchimento personale. Sostenne le ragioni degli ultimi,dei diversi e delle donne. Denuncio' lo strapotere criminale della grande finanza. Irrise le regole di un mondo fondato su di una competitivita' che punisce sempre gli umili e chi lavora. E che arricchisce sempre i burattinai di questa stupida arena. Urlo' che il mondo era per le donne e per gli uomini, tutte le donne e tutti gli uomini e che non era giusto che tanti, troppi potessero solo guardare la vita di pochi e tentar di sopravvivere. Lo uccisero e tentarono di cancellarne ogni memoria. Ma, Sankara vive!


di Silvestro Montanaro - da "C'era una volta" rai3 - 18.01.13






Il debito pubblico nella sua forma attuale, controllata e dominata dall’imperialismo, è una riconquista dell’Africa sapientemente organizzata, in modo che la sua crescita e il suo sviluppo obbediscano a delle norme che ci sono completamente estranee. In modo che ognuno di noi diventi schiavo finanziario, cioè schiavo assoluto, di coloro i quali hanno avuto l’opportunità, l’intelligenza, la furbizia, di investire da noi con l’obbligo di rimborso. 

Thomas Sankara all’Organizzazione dell'Unità Africana





Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d’inventare l’avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l’avvenire.


Thomas Sankara