Language Translate

martedì 22 ottobre 2013

Open your mind



La maggior parte dei libri, soprattutto quelli contemporanei, sono terribilmente noiosi, banali, inutili, a parte alcune righe qua e la. Su 400/500 pagine le cose interessanti si potrebbero condensare in piccolissimi libercoli di 3 o 4, quando va bene, il resto è tutta spazzatura. 
Molti scrittori, la maggior parte, darebbero un maggiore contributo alla società andando a lavorare in fonderia o a sbadilare della merda, invece che scrivere cagate che prendono polvere in libreria, che per sfiga o ignoranza qualcuno potrebbe anche comprare buttando i propri soldi e il proprio tempo nel cesso.

Vittorio Zanini

Nessun commento:

Posta un commento